Cessione del Quinto e Tassi Soglia

Oggi su Globetto torniamo a parlare di prestiti. Anzi di una particolare forma di prestito: la cessione del quinto. Amatissima dai dipendenti  e dai pensionati. Una forma di finanziamento personale alla quale infatti solo alcune categorie di cittadini possono accedere.

Questo perché per fare la cessione del V dello stipendio serve una busta paga. Equiparata, ovviamente, anche la pensione. Ovvero un’ entrata fissa, garantita, dalla quale direttamente, l’ istituto creditore preleverà la somma mensile utile alla restituzione. Ma occhio a non farsi fregare. Quando si parla di prestiti il pericolo è dietro l’ angolo.

E allora vediamo quali sono le caratteristiche della cessione del quinto e quali sono ritenuti i tassi legali da applicare, sopra i quali si incorre nell’ usura.

Il prestito della cessione del quinto, è sempre più utilizzato da diverse categorie di lavoratori o pensionati per ottenere un finanziamento in tempi medio/brevi. Come andremo a vedere, il tutto è regolamentato da regole specifiche che comprendo anche i tassi soglia che vengono trimestralmente aggiornati per rispettare i tassi anti/usura.

Prestito per la cessione del quinto

I prestiti per la cessione del quinto sono regolamentati da regole specifiche. Tra queste, anche i tassi sono periodicamente aggiornati dall’INPS in accordo con gli istituti di credito. Il tetto massimo imposto dalla Legge Italiana, è stato riportato dalla comunicazione n.5268 dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale e resterà in vigore fino al 31 marzo 2017.

I tassi soglia

Questi tassi non possono superare il tasso soglia di usura del 18,2375% per cifre inferiori ai 5mila euro, e del 17,0875% per cifre superiori. I tassi medi invece, si attestano all’11,39% per cifre al di sotto dei 5mila euro e del 10,47% per degli importi superiori a questa cifra.

Tassi soglia TAEG della pensione

I tassi soglia TAEG per la cessione del quinto della pensione, sono stabiliti in base all’importo richiesto e all’età del cliente.

Per i finanziamenti fino a 5mila euro, il tetto massimo stabilito è del 8,58% fino all’età di 59 anni, al 10,18% per la fascia di età che va dai 60 a 69 anni e all’12,78% per la fascia di età dai 70 ai 79 anni. Per prestiti oltre i 5mila euro il TAEG massimo applicabile è del 8,36% fino a 59 anni, 9,96% per la classe di eta’ dai 60 ai 69 anni e del 12,56% dai 70 ai 79 anni.

Limiti degli interessi

Per far si che gli interessi non superino il tasso-usura ogni trimestre viene calcolato il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM). La differenza tra il limite e il tasso medio non può superare gli otto punti percentuali. Tale metodo è entrato in vigore con il d.lgs 70/2011 che ha modificato il precedente art.2 comma 4 della legge 108/96.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *